Scuola

IMUN 2019

Pubblicato il Cristiano Malfatti

Con più di 8.000 partecipanti contati nella scorsa edizione, l’Italian Model United Nations (in breve, IMUN) è una simulazione delle Nazione Unite di Nuova York, organizzata da United Network e finanziata dal rotocalco “La Repubblica“. Opera nelle principali metropoli della Penisola tra cui Roma, Napoli, Milano e quattro ulteriori urbes. Il progetto è recentemente diventato uno dei più frequentati nella Capitale, grazie non solo all’avvincente dinamica di eventi proposta dagli enti organizzativi, ma anche per via dell’ammontare di ore che contribuisce al programma di “Scuola-Lavoro“, spina nel fianco di molti studenti che non dispongono di molto tempo libero per partecipare alla maggior parte dei progetti proposti. Fattore considerevole che ha contribuito alla fama, quasi immediata, della simulazione è la presenza di figuri di spicco ad ogni cerimonia di apertura e le regole, relativamente semplici ed intuitive; possiamo citare le presenze di Nicola Zingaretti, Paolo Gentiloni e molti altri.

Il Regolamento

Il regolamento è leggermente modificato per favorire un dibattito più fluido e meno conflittivo, per fare un esempio, non vi è presente il diritto di veto dei vincitori del Secondo Conflitto Mondiale: Federazione Russa, Repubblica Popolare Cinese, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Quinta Repubblica di Francia e Stati Uniti. Per il resto le regole del palazzo di vetro sono quasi del tutto identiche, le modifiche includono impegni come rimanere nel personaggio, tratto fondamentale per attuare la simulazione cosicché si ci possa confrontare usando fatti realmente accaduti e posizioni dei rispettivi stati; la direttiva obbliga il finto delegato a seguire la linea politica della nazione assegnatali, ovvero, il rappresentante del governo Argentino non potrà schierarsi a favore di associazioni terroristiche di matrice islamica estremista, l’ambasciatore della Venezuela non avrà  la possibilità di dichiarare guerra alla Repubblica di Cuba, et cetera.

Il Progetto

Ormai è l’anno ottavo dal debutto del progetto, e come disse Riccardo Messina, presidente in carica di IMUN, “È l’ottavo anno, siamo migliaia e migliaia in tutta Italia e soprattutto siamo sempre più convinti. Otto anni fa noi eravamo convinti, ma intorno ci credevano in pochi. Avevamo ragione”, in seguito a questo suo discorso rivelò la natura della relazione tra lui ed il presidente della Regione Lazio, nonché Segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, allora presidente della Provincia di Roma quando si conobbero e presidente della Regione Lazio al momento del discorso, “uno dei pochi che ci aveva creduto e che da subito ci ha dato un appoggio” (riporta la citazione il quotidiano finanziante).
Il Signor presidente Zingaretti aveva precedentemente denunciato il bisogno di avere una nuova classe dirigente in Italia, e come progetti quali IMUN ed associazioni come United Network stessero lavorando duro per questo obbiettivo.

IMUN è solo uno dei tanti progetti proposti da United Network, sono accessibili ulteriori simulazioni a città estere come Nuova York o San Francesco (meglio nota come San Francisco) e per approfondire la propria conoscenza su tali viaggi è possibile visitare il sito internet di United Network, Unitednetwork.it

L’Istituto Sacro Cuore di Trinità dei Monti può vantare le “Honorable Mention” di 3 suoi studenti:

  • Cristiano Malfatti di Monte Tretto, 3°B
  • Federico Romanelli, 4°B
  • Janaina Capitini, 4°A